Fisco

Qual è il limite massimo di spesa per usufruire della detrazione Irpef del 50% prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio?

ESTENSIONE QUESITO:

Si chiede se nell’ambito di una ristrutturazione sia possibile usufruire della detrazione Irpef prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio sia per un appartamento sia per una veranda posta al piano superiore, essendo le due porzioni immobiliari contraddistinte da sub diversi. Nel caso specifico, trattasi di un appartamento al quale è collegata al piano superiore mediante scala interna una veranda condonata (la veranda rientra in parte nel medesimo subalterno dell’appartamento acquistato e in parte in un subalterno autonomo).

 

Risposta a cura di consulenti o collaboratori

blob

Secondo quanto previsto dalla Guida dell’Agenzia delle Entrate, il limite “massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione del 50% è di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Questo limite è annuale e riguarda il singolo immobile e le sue pertinenze unitariamente considerate, anche se accatastate separatamente. Gli interventi edilizi effettuati sulla pertinenza non hanno, infatti, un autonomo limite di spesa, ma rientrano nel limite previsto per l’unità abitativa di cui la pertinenza è al servizio”.

Il legislatore tributario ha inteso collegare il limite di spesa all’abitazione, escludendo che per le pertinenze si possa computare un ulteriore autonomo limite di spesa.

Quindi per le pertinenze, anche se autonomamente accatastate come ad esempio un’autorimessa, non si può computare un ulteriore autonomo limite di spesa (cfr. risoluzione n. 124 del 4 giugno 2007, risposta 3; risoluzione n. 181 del 29 aprile 2008; circolare n. 7/E del 2018, pag. 231).

 

Per saperne di più rivolgiti allo sportello di riferimento.

 

Aggiornata il 14/01/2021