Misure economiche a sostegno della professione
  1. DIMMI
  2. Emergenza COVID-19
  3. Misure economiche a sostegno della professione

2. Quali misure sta prendendo Inarcassa per far fronte all’ emergenza COVID- 19?

Risposta a cura di Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano

RGB_Ordine_positivo

 

Qui trovi le prime misure urgenti per gli associati prese da Inarcassa .

lnoltre il Consiglio di Amministrazione di Inarcassa ha deliberato lo stanziamento aggiuntivo di 100 milioni di euro da destinare nel 2020 alle misure di assistenza tese a fronteggiare l’emergenza Covid-19 per i liberi professionisti del Paese, qui di seguito per approfondimenti sui provvedimenti assunti. 

Inoltre l’art. 23 del D.L. 18/2020 ha previsto anche per i liberi professionisti iscritti ad Inarcassa la possibilità di accedere al bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting, nel limite massimo complessivo di 600 euro, qui le info e le modalità di presentazione delle domande. 

Per attivare i finanziamenti  fino a 50.000 euro qui le istruzioni da seguire.  

Per l'indennità prevista per professionisti singoli e associati iscritti ad Inarcassa si veda la domanda n. 3 e domanda n.4 , e  l'informativa qui disponibile. 

Il Consiglio di Amministrazione di Inarcassa ha posticipato i termini per inoltrare la richiesta di deroga al pagamento del contributo minimo soggettivo. La scadenza, fissata al 31 maggio, è stata eccezionalmente spostata al 31 luglio come misura di supporto alla professione in risposta all’emergenza. Gli associati potranno così meglio valutare le prospettive reddituali dell’anno in relazione all’emergenza sanitaria.

I bollettini MAV/F24 relativi alla prima rata dei minimi, emessi su Inarcassa On Line nella prima settimana di giugno, non dovranno essere presi in considerazione da coloro che intendono usufruire del posticipo. Tali richieste saranno lavorate dopo il 31 luglio e sarà reso disponibile un nuovo MAV/F24, in scadenza al 30 settembre, per il pagamento del minimo integrativo + maternità/paternità.

La deroga può essere esercitata dagli iscritti che, per il 2020, prevedono di avere un reddito professionale inferiore a 16.241 euro, valore corrispondente al contributo soggettivo minimo dell’anno in corso.

Per approfondimenti e informazioni attuate da Inarcassa consulta qui



Aggiornato il 08/06/2020