Esercizio della professione durante l’emergenza
  1. DIMMI
  2. Emergenza COVID-19
  3. Esercizio della professione durante l’emergenza

3. Nel caso in cui avessi necessità di recarmi in ufficio o presso un cantiere, devo avere con me l’autocertificazione?

PREMESSA

Tutte le risposte contenute “Emergenza COVID-19 di DIMMI” vogliono offrire ai colleghi un quadro interpretativo di riferimento della normativa vigente per  svolgere al meglio il proprio mandato con responsabilità professionale ed etica, con l’obiettivo prevalente di attuare quanto più possibile il distanziamento sociale e il massimo contenimento del rischio di contagio nella fase di ripresa delle attività. Questo Ordine sottolinea inoltre come il DPCM 26 aprile 2020, il cui contenuto è stato confermato dal  DPCM 11 giugno 2020 e da ultimo dal DPCM 14 luglio 2020, raccomandi comunque il lavoro agile per le attività professionali, soprattutto in una fase delicata di riapertura delle attività e nei contesti geografici ad alta densità.

 

RISPOSTA

No, il decreto -legge n. 33 del 16 maggio 2020 (qui link) ha stabilito che  a decorrere dal 18 maggio cessano di avere effetto tutte le misure limitative della circolazione all’interno del territorio regionale. Dal 2 giugno non sono più vietati gli spostamenti in una regione diversa salvo che per comprovate esigenze lavorative,di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

 

Risposta a cura di Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano con la collaborazione dell’arch. Luigi Carretta e dell’Ing. Marco Cagelli  

 

Aggiornata al 15/06/2020